Naturopatia: la salute comincia dalla conoscenza di sé

Naturopatia: la salute comincia dalla conoscenza di sé

Probabilmente avrete già sentito molte volte questo termine: la naturopatia si sta infatti ritagliando uno spazio sempre più ampio tra i rimedi più conosciuti per combattere disturbi fisici e psicologici.

Dietro alla parola si nasconde una vera e propria disciplina di medicina alternativa, formata da un insieme vasto di pratiche olistiche che pone al centro l’individuo nella sua interezza. Fate attenzione però, il naturopata non può essere scambiato per un dottore; non emette diagnosi su gravi patologie, ma si occupa di favorire il benessere totale dell’essere umano, risvegliando le risorse sopite dell’organismo, sostenendo le naturali difese immunitarie e riattivando l’energia vitale che scorre in tutto il corpo.

Il lavoro del professionista di questo metodo curativo comincia infatti con una seduta iniziale in cui si analizza nel dettaglio lo stato della persona, individuando le problematiche fisiche ed emotive, ed elaborando successivamente un percorso personalizzato che sia in grado di “depurare” il paziente dagli elementi nocivi, prevenire le malattie e favorire l’autoguarigione.

Date le ottime premesse, non resta che scoprire nel dettaglio quali sono le caratteristiche e i benefici principali.

Pace e benessere di corpo e mente grazie alla naturopatia

Gli effetti positivi regalati da questa disciplina olistica sono tanti e si riflettono nell’equilibrio fisico e mentale ottenuto durante il percorso terapeutico. Attraverso un corretto stile di vita prolungato nel tempo si potranno osservare dei benefici eccezionali, come una sensazione straordinaria di forza, pace e benessere, che si propagherà in ogni aspetto della quotidianità, ma altrettanto importante, come detto in precedenza, è la capacità di prevenire l’incombere di patologie, riuscendo a diagnosticare i disturbi più insidiosi che solitamente non compaiono dai classici controlli medici.

No ai farmaci, sì ai rimedi naturali: la naturopatia attinge ad una lunga lista di pratiche semplici ma in grado di offrire dei risultati evidenti dopo un breve periodo di tempo. Un’alimentazione sana è uno dei tasselli più importanti del perfetto stile sano e prevede l’utilizzo di sostanze erboristiche e floreali utili a rafforzare il sistema immunitario.

Come abbiamo visto, corpo e mente sono trattati con la stessa attenzione e anche quest’ultima ha bisogno della sua terapia: attraverso la meditazione e particolari tecniche di respirazione, l’ansia, lo stress e l’affaticamento non saranno più un problema.

Si comincia dall’alimentazione!

Vediamo ora nel dettaglio uno degli aspetti cardine dell’approccio naturopata: l’alimentazione. Abbiamo già parlato dell’importanza del cibo nella salute del corpo, ma andiamo ad analizzare quali sono i suggerimenti che questa disciplina olistica propone a chiunque voglia approcciarvisi.

Semplice e naturale è il mantra da seguire per una dieta a prova di dottore, avendo cura di evitare gli alimenti conservati e precucinati a favore di prodotti biologici come frutta e verdura di stagione. Zucchero e sale compariranno in minime quantità, così come dolci, grassi animali e gli insaccati, che aumentano il rischio di diabete e sono dannosi per l’apparato cardio-vascolare. Meglio i legumi della carne: è sempre meglio prediligere proteine vegetali e sbizzarrirsi a realizzare dei piatti a base di pesce, ricchi di Omega-3.

Infine, non dimenticatevi di “giocare” con la vostra alimentazione dando sfogo alla vostra fantasia: è importante, per non soffrire la monotonia del sapore, introdurre periodicamente nuovi cibi e imparare a preparare ricette personalizzate che rispecchino alla perfezione il vostro modo di mangiare, assumendo sempre tutte le sostanze necessarie.

Dopo aver elaborato il giusto piano per la salute del fisico, passiamo al prossimo step.

Fisico pulito, mente libera: proseguiamo con la meditazione

Prendersi una pausa dalla frenesia quotidiana è un vero toccasana per combattere lo stress e le tensioni che accumuliamo, e in questo la meditazione si presenta come la miglior medicina. Ma da dove iniziare?

Abbigliamento confortevole, posizione a gambe incrociate sopra un cuscino e un luogo tranquillo, sono le linee guida da seguire per cominciare questa pratica straordinaria, dedicata a sé stessi e al proprio benessere. Attraverso l’atto della respirazione, lenta e profonda, la mente può liberarsi dagli stimoli esterni e dai pensieri negativi e seguire il fluire di sensazioni, percezioni ed emozioni per raggiungere la calma interiore. Non abbiate fretta di raggiungere in breve tempo i risultati sperati, mantenete la giusta motivazione e continuate a praticare questa attività fino a che non vi sentirete completamente a vostro agio e in sintonia con voi stessi.

Se avete bisogno di un piccolo aiuto, potete favorire la concentrazione ripetendo un mantra oppure focalizzando il vostro sguardo su un oggetto in particolare. Molto utile è anche l’utilizzo di una guida, che sia dal vivo o su un supporto audiovideo, a cui affidarsi per restare nel giusto mood in attesa di procedere in autonomia. Pochi minuti al giorno possono bastare per le sedute iniziali, aumentandone la durata man mano che si acquisisce la confidenza perfetta.

Dopo aver trovato la vostra tecnica ideale, non ci vorrà molto affinché il corpo svilupperà una senso di pace e relax senza pari, un netto miglioramento dell’umore e della concentrazione, della capacità di relazionarsi con gli altri e tante altre facoltà mentali. Ma non saranno gli unici benefici di cui sarete testimoni.

L’intero organismo beneficerà della vostra dedizione con degli inaspettati effetti positivi su disturbi e patologie: secondo diversi studi, la meditazione è in grado di ridurre la presenza di malattie cardio-vascolari, stabilizzare i problemi legati al sonno e alla digestione, favorire la produzione di endorfine, oltre a un generale rafforzamento del sistema immunitario.

Abbiamo osservato le caratteristiche dei due aspetti essenziali del pensiero naturopata, ma le aree di intervento sono ancora tante e le pratiche da scoprire sempre più interessanti.

L’universo naturopata e le sue ramificazioni

All’interno di centri estetici, benessere, palestre o farmacie, il naturopata può occuparsi di diverse discipline utili a garantire la salute del paziente. Vediamo quali sono le più conosciute:

Fitoterapia: pratica che utilizza le radici, i fusti, le foglie e i fiori di piante medicinali per curare e prevenire malattie e disturbi, come dolori muscolari, difficoltà digestive, mancanza di appetito, ma anche condizioni di ansia, nervosismo e cattivo riposo.

Floriterapia: attraverso essenze floreali, come i fiori di Bach, usate singolarmente o all’interno di mix personalizzati, i professionisti possono agire sul sistema psicologico ed emotivo. Fortemente consigliata in caso di stress, depressione di grado lieve e moderato, fobie, insonnia o disturbi psicosomatici.

Oligoterapia: anche gli oligoelementi, come l’argento, il cobalto, il litio, il calcio e altri minerali preziosi, sono strumenti utili che possono influire sullo stato dell’organismo, sostenendone le funzioni principali attraverso l’assunzione o altre tipologie di trattamento come la gemmoterapia o l’agopuntura.

Aromaterapia: per aiutare corpo e mente a mantenere una condizione di relax non c’è niente di meglio di un massaggio o di un bel bagno caldo. E perché no, con un po’ di oli essenziali in diffusione. Da sempre presenti nelle principali pratiche del sapere olistico, queste sostanze delicate e profumate sono un vero toccasana per distendere le tensioni e alleviare lo stress.

Iridologia: un’attenta valutazione dell’occhio e delle sue componenti può rivelare tante cose sulla persona, individuarne le debolezze, i punti di forza, gli aspetti emotivi. Comprendendo le caratteristiche dell’individuo, il naturopata saprà agire sulle zone più fragili e diagnosticare la presenza di eventuali malattie.

Teniamo per ultima una delle tecniche terapeutiche più celebri della naturopatia e in generale dell’approccio olistico. Anch’essa figlia del sapere orientale, la Riflessologia è una pratica della medicina alternativa che consiste nella stimolazione di punti specifici del corpo, chiamati “riflessi”, per alleviare disturbi e dolori, come emicranie, dolore alla schiena, cattiva digestione, asma e le infezioni alle vie respiratorie.

Esistono numerose tipologie ma la più richiesta dai cultori del wellness è senza dubbio quella plantare: attraverso la manipolazione della pianta del piede, i riflessologi sono in grado di sbloccare i problemi che affliggono le sezioni dell’organismo, attraverso un preciso sistema di corrispondenze.

Alla base della disciplina c’è infatti l’idea che alle singole parti del piede corrispondano determinati organi, strutture nervose e ossee, articolazioni, ghiandole, su cui è possibile intervenire durante la seduta.

Non è necessario l’uso di oli essenziali, unguenti o lozioni particolari, l’unico strumento su cui solitamente si avvale il terapeuta sono mani e dita. 

Scritto da
Altri articoli di Sara Scano
I benefici del calore nella Coppettazione e Moxibustione
Simile all’agopuntura e spesso combinata con altre tecniche, la terapia della coppettazione...
Scopri di più

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *